La regina di maggio

...e verrÓ scelto il pi¨ bello fra tutti gli insetti, per incoronarlo re della primavera- disse una vecchia libellula.

-sospir˛ Terry.

Era soltanto un povero bruco verde, molto insignificante, non aveva neppure un po' di peluria nÚ le strisce arancione.

-Temo proprio di no- disse gentilmente la vecchia libellula- ma non importa. Potrai vedere l'incoronazione. Tutti getteranno petali di fiori al re della primavera.

Terry era molto triste, quella sera, quando and˛ a dormire. Pensava a quanto sono fortunate quelle creature che nascono belle.

Fil˛ intorno a sÚ un caldo bozzolo e si addorment˛.

Non sapeva per quanto tempo avesse dormito, quando si svegli˛, ma sentý che il sole era alto e scaldava il suo bozzolo. Allora lo rosicchi˛ per farsi strada, e uscý al sole.

Mentre si scaldava su un fiore, prov˛ una strana sensazione: si sentý ad un tratto diverso. Si guard˛ alle spalle e vide che gli erano spuntate le ali: un paio di splendide ali verdi e azzurre.

-Come mai?- si domand˛ Terry confuso. Ma non ebbe tempo di riflettere, perchÚ udý un brusio di voci e di risate; improvvisamente, si trov˛ circondato da una folla di insetti eccitati, che gridavano:

-Ecco il pi¨ bello di tutti gli insetti! Ecco il re della primavera!

Qualcuno gli pose una corona di petali sul capo e lo sollev˛ dal fiore. Terry ora volava. Una pioggia di petali cadeva intorno a lui. Era il giorno pi¨ bello della sua vita.

Pi¨ tardi, stanco ma felice, Terry si ricord˛ che sua madre gli aveva detto un giorno che sarebbe diventato una farfalla.

-Ho capito- mormor˛- alcune creature nascono belle, altre lo diventano!

 

K.Jackson

R.Scarry